Ritorno al fronte

Al mattino e alle domande
Metto il broncio
M’offendo rapido
Al non capire le istruzioni
Di un tempo ricco di rane
Stretto di baci
Vecchio come profumo troppo comune
Piacevole come schiaffi da mani che amano.
La guerra è quasi finita
Ho perso quattro dita
La lingua e un po’ di cervello
Ma l’amore no
L’amore è sempre quello

Annunci

Sono di stagno

Sono di stagno di ferro di latta
ho il cuore di vetro
le mani di sabbia
Sono rana scimmia formica
non so nuotare
mi mangio le dita
Sono Mantegna Mondrian Chagall
ho paura del tempo
che non se ne va
Sono di more uva girasoli
come i tuoi capelli
intreccio tra i rovi
Sono Raskolnikov Orfeo Sansone
un libro socchiuso
tra il male e l’odore